NOTIZIE CTI SUZZARA

PROTOCOLLO D'INTESA per la continuità e l'orientamento degli studenti con disabilità fra il I° e il II° ciclo d'Istruzione

Alla presenza della Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale Dott.ssa Patrizia Graziani, è stato firmato dall’Istituto Comprensivo 1 Margherita Hack di Suzzara scuola capofila CTI, dall’ASST di Mantova e dall’ambito territoriale di Suzzara, un protocollo d’intesa per l’orientamento degli studenti con disabilità nel passaggio dal 1° al 2° ciclo d’Istruzione.

La finalità del documento consiste nel prevedere e declinare una gestione congiunta e funzionale, attraverso passaggi condivisi tra Scuola, Servizi sociali comunali e Servizi socio sanitari dell’Asst, Famiglie e Studenti, per tracciare un percorso formativo e di autonomia del soggetto con disabilità coerente con un reale Progetto di Vita e, parallelamente,  rendere le famiglie maggiormente partecipi nel processo di sviluppo e di integrazione degli alunni, facilitando la piena attuazione del diritto allo studio di tutti gli alunni con disabilità.

Il protocollo prevede la formalizzazione dei passaggi condivisi tra i soggetti coinvolti a vario titolo che si assumono la responsabilità di sostenere e curare le fasi che porteranno lo studente e la famiglia a scegliere il percorso formativo più adeguato ai propri bisogni e inclinazioni.

Inoltre, la progettazione di percorsi condivisi per l’autonomia, che possono sfociare nel prosieguo del percorso di studi, in esperienze lavorative,  nell’inserimento nei centri diurni o nei centri socio-educativi, rispondono all’esigenza di immaginare risposte coerenti e personalizzate nella prospettiva dell’età adulta.

Viva soddisfazione è stata espressa dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Mantovani che sottolinea quanto questo risultato sia stato reso possibile a seguito di un lungo lavoro di condivisione e confronto portato avanti dal Centro Territoriale per l’Inclusività  che ha coinvolto, nella sua stesura, personale docente, genitori, operatori dell’UONPIA (Unità Operativa di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza) e del CeAD (Centro per l’assistenza domiciliare) di Asst e del Piano di Zona.

Presenti all’incontro – per l’Asst di Mantova - la responsabile delle attività socio sanitarie sede di Suzzara dr.ssa Antonella Taragnani e la dr.ssa Angela Bellani responsabile dell’Area Fragilità, che hanno collaborato a sostegno dei passaggi formali ed istituzionali, per il raggiungimento di questo importante risultato.

L’Assessore al Welfare Alessandro Guastalli, ribadendo la necessità di accompagnare le famiglie nei difficili momenti di transizione nella vita del proprio figlio, auspica che questo protocollo possa diventare patrimonio condiviso a livello provinciale. Un modello da esportare, pienamente in linea con un Welfare che crea una forte rete a sostegno dei soggetti più deboli.